Tutto riparte, ma la cultura è ferma. La proposta di Giuseppe Francavilla: «Trasformiamo i luoghi aperti in teatri»

Dopo mesi di lockdown a causa del Coronavirus, l’Italia sta allentando la morsa sulle restrizioni. Sebbene diverse attività stiano ricominciando a scaldare i motori per la ripartenza, il mondo degli spettacoli è ancora fermo. E anche alla ripresa, saranno molteplici le limitazioni da tenere in considerazione.

«Non è stato facile restare inattivi per coloro che, come noi artisti tranesi, da anni hanno dato a questa città diversi contributi sul piano artistico e culturale. E le prospettive dopo l’emergenza sanitaria non sono affatto rosee». A dirlo è Giuseppe Francavilla, attore e presidente dell’associazione Il carro dei Guitti, che insieme al padre Mario, attivo nel teatro dalla fine degli anni Settanta ad oggi, ha dovuto annullare prove e spettacoli. 

«Se il Governo dovesse dare il via libera alla ripresa delle attività teatrali, bisognerà rinunciare a un quarto del pubblico - ci dice - in quanto sarebbe ammesso solo il 25% degli spettatori e questo è inaccettabile. Noi attori teatrali viviamo di pubblico e per il pubblico, ricevere il feedback delle emozioni che la gente prova e il suo applauso a fine spettacolo è pane per noi».

Per tale situazione Francavilla crede che «in questo particolare momento epocale della nostra esistenza s senta ancora di più l’esigenza di normalizzare la propria vita e, perché no, riprovare a sorridere nonostante tutto e ritrovare la propria identità di essere umano capace di emozionarsi ancora».

Da qui la proposta al comune di Trani e, nello specifico, al sindaco Amedeo Bottaro: «Trani non ha teatri al chiuso (a parte il cinema Impero) ma ha diversi spazi più ampi all’aperto come il centro Jobel, piazza Quercia, piazza Duomo e così via. Pertanto si potrebbe utilizzare qualcuno di questi luoghi per la stagione estiva con le dovute misure di sicurezza: se deve restare valida la restrizione del 25% di pubblico ammesso, con uno spazio più ampio si può pensare di fare accedere agli spettacoli un numero più congruo di gente. Si
invitano - continuano Giuseppe Francavilla - le associazioni teatrali tranesi a produrre i propri spettacoli pagando le spese di allestimento, senza dover necessariamente ingaggiare artisti provenienti da fuori regione. In questo modo si restituirebbe dignità culturale e un piccolo aiuto economico alle compagnie teatrali del luogo che sono rimaste inattive per una buona porzione della stagione teatrale e hanno dovutopagare comunque i costi delle proprie sedi o delle sale prove. Non per ultimo - conclude Giuseppe Francavilla - si darebbe la possibilità ai tranesi di tornare a sorridere e a emozionarsi cercando di dimenticare la tristezza, l’amarezza e le paure provate durante la quarantena da Covid 19. Nello stesso tempo si contribuisce a dissipare lo spettro della depressione che è sempre dietro la angolo e non fa sconti a nessuno. Questa proposta, carica di speranza e positività, darebbe nuova linfa ad una città come Trani
candidata ad essere città della cultura oltre confini».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Immobiliare Valenziano

Notizie del giorno

VIDEO. Riaprono le palestre: tra paure e nuove organizzazioni la ripresa è lenta Omicidio Zanni, la Corte d'Appello conferma le condanne di primo grado. Inammissibile, perché tardivo, l'appello della Procura di Trani Porta a porta in tutta Trani, Amiu pronta a querelare Loconte sui facilitatori. Bottaro: «Il sorteggio parla da solo» Consiglio comunale di Trani, impossibile il voto segreto online: oggi il comandante della Pm raccoglierà le schede a casa dei consiglieri Oggi torna a riunirsi il consiglio comunale di Trani online: Mariangela Scialandrone surrogherà il compianto Mimmo De Laurentis Riparazione delle strade rurali, a Trani un finanziamento del Gal Ponte Lama di 250mila euro Riapertura del mercato settimanale, Montaruli (Casambulanti): «Convocazione urgente del tavolo tecnico comunale» "La giustizia sospesa", venerdì il flash mob degli avvocati in piazza Duomo: «Tutte le attività riaprono ma i tribunali restano indietro» Parco e pista ciclabile di via Falcone, aggiudicazione provvisoria a una ditta di Trani. Barresi: «È la vittoria di tutta la città» Rilancio del turismo, le idee di Domenico Corraro: «Pensare in maniera strategica attingendo ai finanziamenti regionali ed europei» Coronavirus: due soli nuovi casi in Puglia, di cui uno nella Bat, a fronte di oltre 2200 tamponi Comunali, regionali e referendum tutti insieme in un unico giorno: la data potrebbe essere il 20 settembre Pagamento delle pensioni di giugno, si prosegue: eEcco il calendario per non creare assembramenti Le cartoline dal 1898 al 1920: nelle edicole e in libreria il nuovo libro di Rino Mennea in abbinamento editoriale con il Giornale di Trani È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «La svolta». Ed in abbinamento editoriale, il libro di Rino Mennea dedicato alla storia delle cartoline Trani, domani sera in Cattedrale la messa Crismale trasmessa in diretta televisiva Solenni festeggiamenti in onore di San Nicola il Pellegrino: il programma delle celebrazioni inizierà il 30 maggio "San Nicola in Rime", al via il quarto concorso di poesia in vernacolo. Opere da inviare entro il 18 luglio Ex area Lapietra, girandola di toponimi: arriva via Di Martino, si sposta via Ronchi e villa Bini diventa parco Petrarota Chiesa piccola e poco ventilata: le celebrazioni della parrocchia di san Giovanni, ogni domenica, si svolgeranno all'aperto Porta a porta in tutta Trani, la distribuzione dei kit inizierà l'8 giugno e i facilitatori ambientali saranno sorteggiati il 3 giugno. Info per candidarsi Porta a porta in tutta Trani, Bottaro: «Il servizio partirà a settembre e tutti sapranno perfettamente come differenziare i rifiuti» Porta a porta in tutta Trani, dopo il virus anche le cause: la ditta che non ha vinto la gara per le attrezzature ricorre al Consiglio di Stato e chiede un maxi risarcimento Porta a porta in tutta Trani, Loconte (Trani Governa) sui facilitatori Amiu: «Ci sarebbero già i nominativi» Ordine dei commercialisti di Trani contro le parole di Roberto Saviano: «Serve rispetto per la nostra professione» Gli psicologi di Puglia scrivono al governatore Emiliano: «Non sottovalutiamo i problemi legati all'emergenza. Ecco le nostre proposte» Sanità, Santorsola chiede il potenziamento del presidio territoriale di Trani: «Ottimizzazione dell'offerta deve essere un obiettivo comune»
PUBBLICITA' Immobiliare Valenziano