Venticinque anni fa moriva a 19 anni Claudio Pomarico: con i suoi organi oggi vivono tre persone. Il ricordo di Andrea Ferri e quel toponimo che ancora manca

Accadde esattamente 25 anni fa, nella tarda serata del 4 agosto 1995, all'altezza dello svincolo fra via Istria e via delle Forze Armate: il 19enne Claudio Pomarico fu travolto da una vettura alla discesa del cavalcaferrovia e morì dopo una lunga agonia. La famiglia scelse di donarne gli organi a chi ne avesse bisogno.

Da lì a poco, in città fu fondata la sede della Associazione italiana donatori organi, intitolata allo stesso Claudio Pomarico. Successivamente, nell'anniversario della morte, la famiglia donò alla collettività due panchine, con piccole targhe che ricordano il nome di Claudio, tuttora presenti su un marciapiede a breve distanza dal luogo del tragico impatto. Negli anni successivi fu anche organizzato un torneo di pallacanestro, lo sport che Claudio praticava.

Di Claudio furono espiantati e donati cuore, fegato e cornee. Il paziente che ricevette il fegato non ce la fece per una crisi di rigetto, «ma tre persone sono in vita grazie a mio fratello», racconta orgoglioso Beppe, suo fratello.

La legge vieta di conoscere i beneficiari degli organi donati, «però - rivela -, tramite amici, siamo riusciti a sapere chi ha ricevuto il cuore e, ad oggi, abbiamo contatti con questa persona. È un professionista importante, un direttore di banca, ci sentiamo frequentemente e lo sentiamo come un nostro parente».

Claudio Pomarico fu nostro collaboratore a Radiobombo, dove conduceva una trasmissione musicale piacevole ed anticonformista in compagnia dei cari amici Marco Colonna e Andrea Ferri. Quest'ultimo ha voluto ricordarlo oggi, in occasione del venticinquennale della morte.

«Claudio è stato il protagonista assoluto della mia giovinezza - scrive Andrea -. Era l’amico che al mattino passava a prendermi per andare a scuola, il mio compagno di banco alle superiori, l’amico che con la famiglia mi ospitava in vacanza. C’eravamo reciprocamente l’uno per l’altro. Abbiamo condiviso tantissime cose e le ricordo tutte benissimo. Nel cuore conserverò per sempre la passione che mi fece nascere per la musica rap, la difficoltà che avevamo nei primi anni '90 a trovare i vinili, una passione che ci portò a condurre il primo programma rap a Trani e creare un gruppo musicale. Andavamo in onda su Radiobombo grazie alla fiducia di tutti gli operatori e del caro Patrizio Valenziano. E cantavamo con il nostro gruppo, gli Rpv, in pochissimi locali e in moltissimi garage. Quando Claudio è andato via ho smesso di fare radio e di cantare, perché senza di lui a fianco non avrebbe avuto più senso proseguire, perché quella era una cosa nostra. Il tempo trascorso dalla sua tragica scomparsa non ha mutato l’affetto che nutro nei suoi confronti: rimarrà per sempre il mio caro e inimitabile, fraterno amico».

Oltre quelle due panchine, probabilmente sarebbe il caso di ricordare Claudio Pomarico anche in altra maniera, con un toponimo o una intitolazione che altri donatori - a lui precedenti e successivi - hanno altrettanto giustamente meritato per le stesse motivazioni.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Studio Dr. Avantario

Notizie del giorno

È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Grandi numeri» Porto di Trani, nei prossimi giorni i lavori agli impianti di illuminazione e di video sorveglianza Dialoghi di Trani, oggi l'ultima giornata della 19ma edizione: la concluderà una lectio di Gianrico Carofiglio Trani-Bisceglie, si riparte dall'1-1 e si gioca sul rigenerato Comunale PUBBLIREDAZIONALE. Milone Store, i migliori prodotti di informatica e telefonia: servizio di assistenza e riparazione rapido Oggi è la giornata mondiale del migrante e del rifugiato: la riflessione del direttore dell'fficio diocesano Migrantes Prenotare un appuntamento in un negozio? Dal 30 settembre il team tranese di Ticketo rilascerà l'app gratuita Movimento giovanile di Italia in comune, si dimette il coordinatore Domenico Corraro Polo Museale, si chiudono oggi "Le Giornate europee del patrimonio" alla scoperta di Trani "Puliamo il mondo": Legambiente e Despar insieme nella campagna di sensibilizzazione. Appuntamento oggi sul lungomare Mongelli Scuola, domani al De Amicis la festa dell'accoglienza per gli alunni delle classi prime "Fossi Figo", da lunedì mattina su RadioBombo torna il programma di Francesco Donato: tra musica e notizie tante novità per la nuova stagione Trani, continuano gli appuntamenti al Santo Graal: venerdì prossimo l'omaggio a Lucio Dalla Festività degli Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele: martedì la santa messa Trani religiosa, il programma dei festeggiamenti per i santi Cosma e Damiano Scuola: oggi al santuario di Fatima si benedicono alunni e personale Cento anni dalla nascita di Ferruccio Ferroni, la mostra a palazzo Beltrani continua fino all'11 ottobre Trani, la materna del Primo circolo dà l'addio al San Paolo: la nuova sede sarà il Nido della felicità, in via De Gemmis Trani 2020, a sostegno della nuova amministrazione c'è il gruppo di Idee, giovani e politica: «Si scelgano massimo sei assessori: stop allo spreco in politica» Trani, la Lega per la prima volta approda in consiglio comunale con Giovanni di Leo Le nuove nomine dell'arcivescovo D'Ascenzo: tra i sacerdoti anche don Vincenzo Giannico e don Domenico Bruno di Trani Trani, crollata una porzione di tetto della Lampara. Bottaro: «Brutta pagina della mia amministrazione, dobbiamo ripartire dalla trattativa interrotta» Coronavirus, la situazione a Trani: 9 attualmente positivi, di cui uno in ospedale. Il totale dei casi dal 29 agosto è 14 Bollettino Coronavirus, salgono i positivi: oggi in Puglia 90 casi, 17 nella Bat Raffaele Fitto è positivo al Coronavirus, su Facebook scrive: «Io e mia moglie siamo asintomatici» Trani 2020, colpo di scena in Fratelli d'Italia: Lima recupera 7 voti e torna ad essere consigliere comunale Voto che vince e voto che perde: un'analisi numerica delle elezioni comunali
PUBBLICITA' Immobiliare Valenziano