«La valorizzazione del patrimonio culturale?»: per gli studenti del “De Sanctis” di Trani, «un gioco da ragazzi»

Una bella kermesse quella dei giorni scorsi presso il Polo Museale Fondazione Seca di Trani.

Più di 130 studenti del Liceo classico, linguistico e scienze umane “F. De Sanctis” protagonisti di una festa che ha celebrato il patrimonio culturale della città ed il ruolo dei ragazzi nella sua valorizzazione.

“Scuola e DiCultHer insieme per la titolarità culturale degli studenti. Patrimonio culturale, sviluppo territoriale, cittadinanza e digitale” il titolo dell’evento organizzato dal liceo insieme alla scuola a rete DiCultHer, con il suo segretario generale Carmine Marinucci ed il coordinatore del polo pugliese Nicola Barbuti. Si è trattato della seconda tappa della rassegna Nova Magna Graecia. L’occasione digitale per la cultura e il Mezzogiorno d’Europa, svoltasi tra Matera, Trani e Catanzaro nel corso della quarta edizione della Settimana delle culture digitali “Antonio Ruberti”.

Ospiti graditissimi, che hanno contribuito con le loro preziose riflessioni al dibattito sul tema della giornata, magistralmente introdotto dalla dirigente, professoressa Grazia Ruggiero, sono stati il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, l’allora presidente della provincia, Nicola Giorgino, la senatrice Assuntela Messina, l'onorevole Paolo Lattanzio, l'assessore regionale Filippo Caracciolo, il coordinatore del Gruppo Tecnico Turismo Confindustria Puglia, Massimo Salomone.

Sul palco si sono avvicendati, accompagnati dagli esperti e dai tutor, gli studenti che hanno partecipato alprogetto Pon "La scuola per il patrimonio", nel corsodel quale hanno realizzato fantasmi digitali che guidano i visitatori alla scoperta della città, ricostruzioni tridimensionali di chiese paleocristiane, scheletri e vasi antichi, mappe ed audioguide multimediali di Trani e della Puglia. Alcuni tra questi lavori si sono anche distinti nell'ambito delle sfide di #HackCultura2019, il primo Hackathon per la titolarità culturale, la conoscenza e la presa in carico del patrimonio culturale nazionale, presentato a Matera l'11 e 12 aprile scorsi. I diversi prodotti digitali sono stati illustrati, con competenza, orgoglio ed un pizzico di emozione, dagli stessi studenti, veri protagonisti di queste giornate.

A guidarli nei diversi percorsi ci sono stati gli esperti dei 5 moduli del Pon: Giuliano De Felice, Valentina Dell'Anno, Carla Russo, Andrea Fratta, Stefania Vania, Annalisa Di Zanni. I docenti Giovanni Capone, Anna Rotunno, Annalisa Di Zanni, Angela di Gregorio, Patrizia Canaletti hanno affiancato gli studenti e gli esperti in qualità di tutor.

Particolarmente originale il modulo "Una mappa di comunità per l'ecomuseo di Trani" della classe 5A Scienze Umane, che ha fatto di questo modulo il proprio percorso di alternanza scuola – lavoro.

Con la preziosa collaborazione dell’Auser Trani, le attività hanno coinvolto non solo gli alunni, ma tutta la cittadinanza. Infatti, oltre alla consultazione di numerose fonti storiche, come libri o vecchi articoli del Tranesiere, gli studenti hanno organizzato e gestito anche due assemblee, grazie alle quali hanno potuto raccogliere informazioni dalla viva voce dei cittadini detentori della memoria storica della città. Tutti i beni culturali così scoperti o riscoperti sono confluiti in tre prodotti digitali ideati e creati dai ragazzi, una mappa con Google Map, un’audioguida con Izi.travel, quattro percorsi in realtà aumentatacon Metaverse.

Queste vere e proprie creazioni digitali sono state presentate l’11 e 12 aprile presso l'istituto "I.I.SPentasuglia" di Matera,durante la Prima rassegna dei prodotti realizzati sui temi del Digital Cultural Heritage dalle Scuole italiane che hanno aderito ad #HackCultura2019, e successivamenteil 13 aprilea Trani.

In questa terza giornata dedicata al rapporto tra scuola, territorio e patrimonio culturale materiale, immateriale e digitale si è molto discusso anche del ruolo attivo che la scuola può svolgere nello sviluppo del territorio e delle competenze trasversali, digitali e di cittadinanza che gli studenti hanno acquisito grazie a questi progetti.

«Cosa avete imparato?», «Cosa vi è piaciuto?» Queste le domande ricorrenti rivolte agli studenti. Le rispostesono state molto positive e partecipate: hanno avuto non solo la possibilità di cimentarsi con nuove piattaforme e software, diaccrescere le loro conoscenze e competenze digitali, di scoprire la bellezza e l’importanza del patrimonio culturale, ma hanno anche potuto dare spazio alla loro fantasia nel creare storytelling accattivanti. Infatti, in particolare i ragazzi della 5AS si sono dovuti cimentare nella creazione di vere e proprie storie che dessero voce, attraverso quattro diversi fantasmi digitali, alla Trani "dimenticata".

Ègrazie a progetti come il PON “La scuola per il patrimonio” che i giovani possono avere l'opportunità di confrontarsi con esperti in vari campi del sapere umanistico e scientifico, di scoprire e far scoprire ai cittadini e ai turisti luoghi e storiedel patrimonio culturale locale, di poter contribuireal rinascimento culturale e digitale del Mezzogiorno, grazie alla loro creatività e alla collaborazione con le«comunità di patrimonio», nello spirito della Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società.

Arianna Casardi, Francesca Cezza, Filomeno Contento, Alessia Moccia (5AS, Liceo  “F. De Sanctis”, -Trani)

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

Elezioni europee, tutte le info. Trani sarà l’unico comune della Bat che trasmetterà telematicamente i dati elettorali in Prefettura Elezioni europee, nella Barletta-Andria-Trani chiamati alle urne in 320mila. Le modalità del voto Elezioni europee, a Trani la spesa è 202mila euro Lungomare di Trani, procedono i lavori sulla pista ciclabile. Già bitumata piazza Plebiscito Immobili da liberare, manca ancora all'appello quello accanto all'ex ospedale di Trani Giochi sportivi studenteschi, le alunne del “Vecchi” di Trani campionesse regionali di atletica leggera È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Rinascita» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Al Santo Graal di Trani, oggi, The rock night "Maggio dei libri" al Polo Museale di Trani, oggi l'ultimo appuntamento Trani, proseguono gli appuntamenti del "Festival di arte e musica per bambini e ragazzi" «L’arte vien dal mare»: oggi inaugurazione della mostra alla Lega navale di Trani A Trani, oggi, la presentazione del libro «Codice rosso» A Trani, oggi, una giornata di prevenzione con esami gratuiti Oggi, a Trani, presentazione del libro di Lucio Montanaro, «Il meglio della vita mia» Palazzo Beltrani, al via la rassegna “Jazz a corte”: primo appuntamento, stasera Trani religiosa, la festa liturgica in onore di San Nicola il Pellegrino. Il programma Bando regionale per il rinnovo dei mezzi Amet, incontro a Trani domani AGGIORNATO. Spiagge libere con servizi a Trani, giovedì prossimo inaugurazione della «Baia del pescatore» Spiagge libere con servizi a Trani, il 2 giugno l'apertura del «Mongelli» “Il genio, 500 anni di meraviglia”: a Trani, fino al 30 giugno, la nuova mostra su Leonardo Da Vinci Trani, fino ad oggi la mostra di Mimmo Rotella “SeriDécollages” Trani, urgono allacciamenti ai nuovi palazzi: bitumazione di via Malcangi ferma da quasi un mese per non rovinarla dopo «Chiavi della città», Altieri respinge le accuse nell'interrogatorio: «Io non prestanome, ma garanzia per Trani nel Trani» Caso Papa Giovanni, il consulente del Comune di Trani: «Stanco delle continue accuse, ho lavorato con professionalità» Trani, ritorna l’ordinanza anti incendi: obbligo di rimozione sterpaglie entro il 15 giugno Terremoto a Trani, Briguglio risponde al presidente della Provincia Bat: «Solo strumentalizzazioni» Servizio 118, anche la Barletta – Andria – Trani tra le prime 10 province in Italia Assistenza specialistica nella Barletta – Andria – Trani, nuovamente sospeso il servizio Assistenza specialistica nella Barletta - Andria - Trani, la Provincia precisa: «Continuerà fino al 1mo giugno»
PUBBLICITA' Avicola Colangelo