Assunzioni al Comune di Trani, Barresi: «Nessun concorso pubblico, ne beneficiano solo i forestieri»

Sinceramente non riesco proprio a capire come si possa andare fieri ed essere contenti quando si tradiscono le aspettative dei cittadini o quando non si riescono a mantenere le promesse fatte in campagna elettorale.

Ora spieghiamo, in maniere semplice e chiara, ai nostri cittadini quello che mai nessuno dirà loro dell’ultima “bottariata”.

Come si può gioire e dichiarare alla stampa di aver finalmente rimpinguato la macchina amministrativa, avendo inserito nella pianta organica del comune 8 nuove figure e personale?

Bisogna avere il coraggio di dirla tutta ai cittadini, signor primo cittadino. Ebbene, con una bruttissima delibera di giunta municipale la n.229 (attenzione ora a tutte le date) fatta il 28/12/2018 viene approvato quanto appresso: il Comune di Trani decide di approvare una convenzione con vari comuni per poter utilizzare le loro graduatorie concorsuali, da loro espletate e occupare, in questo modo,  i posti vacanti dei dipendenti al Comune di Trani.

Quindi, veniamo al punto: non avendo il Comune di Trani mai, dico mai, pensato di eseguire pubblici concorsi per occupare i posti vacanti al comune e dare una possibilità anche ai giovani tranesi di trovare lavoro, quanto meno di partecipare ed aver una volta per tutte una graduatoria propria, il sindaco che fa? Propone con questa delibera di utilizzare le graduatorie concorsuali fatte da altri comuni.

Alla faccia di alleviare la disoccupazione!  Ci prendiamo al Comune di Trani dipendenti di altre città, l’importante è illudere la gente dicendo: «Visto, come siamo bravi?»

A mio avviso, una perfetta menzogna ed illusione per i giovani disoccupati di questa città. Da quattro anni al governo non hanno mai pensato a fare un pubblico concorso, dopo aver attinto con le mobilità sempre da altri Comuni. Oggi la cosa più brutta, fatta a danno dei tranesi, è stata quella di prendere i vincitori di concorso da altri Comuni rimasti in graduatoria, uno schiaffo in pieno viso ai cittadini tranesi visto che nella delibera si legge che hanno attinto da queste graduatorie:

1 . Molfetta per n. 2 categorie D I profilo professionale assistenti sociali;
2. Monopoli per n. I categoria Dl profilo professionale istruttore direttivo amministrativo;
3. Giovinazzo per n. I categoria Dirigente Tecnico;
4. Spinazzola per n. 1 categoria D1, profilo professionale istruttore direttivo tecnico;
5. Bisceglie per n. I categorie Cl profilo professionale istruttore; tecnico/geometra e n. 1 per categoria D1 profilo professionale istruttore direttivo tecnico;
6. Città Metropolitana di Bari per n. 1 categoria Dl. profilo professionale tecnico;
7. Regione Puglia RIPAN, n.I categoria D 1, profilo professionale tecnico;

Il bello di ciò sta nel fatto che ha tratto beneficio nella copertura dei posti della Città di Trani gente di questi Comuni, non uno di Trani,  gravissimo aver preso in giro i tranesi in questi 4 anni,  scoprendo queste assurdità.

Ricordo a lei, signor sindaco, quanto  scritto nel suo programma di governo: doveva mettere mano, da subito,  alla macchina amministrativa rendendola trasparente, efficiente e produttiva espletando immediatamente concorsi  per rinforzare i vari settori ridotti, attualmente, al lumicino.

Oggi, purtroppo, queste dichiarazioni esplodono in tutta la loro verità, quella di aver semplicemente illuso i cittadini tranesi; infatti, vengono assunte persone da altri Comuni in barba ai concorsi mai attuati in questo Comune. Eppure, avete avuto tempo per farli.

Una delibera di cui tutti i cittadini devono chiederne una immediata revoca e dare il via a concorsi. Inoltre è bene far sapere a tutti che le assunzioni sono così state fatte: con determina dirigenziale n. 709 del 31/12/2018 (quante cose belle accadono alla fine dell’anno mentre tutti sono occupati con i preparativi del cenone) assunzione dei due geometri  a Trani presso l’Ufficio Tecnico, uno viene attinto dalla graduatoria del comune di Bisceglie in graduatoria effettuata il 18/12/2014 (??), il secondo proviene dal Comune di Bari a seguito graduatoria del comune di Bari fatta il 28/7/2009 e così via (Spinazzola gradatuoria del 9/10/2008 fino a reperire dipendenti da graduatorie del 2007). A mio avviso, questo modo di procedere è veramente mortificante per una città come Trani… non si comprende  il perché questa città debba sempre guardare fuori e attingere sempre da altre realtà e mai valorizzare l’interno e i suoi cittadini.

Qualcuno oggi non deve assolutamente rallegrarsi di quanto fatto, elogiandosi e raccontando di come sono stati bravi ad occupare posti di lavoro,  deve invece fare ammenda chiedendo scusa a Trani e ai suoi cittadini.

Aspettando una replica dell’amministrazione dichiaro, sin da ora di riservarmi di portare a conoscenza dei miei concittadini altre chicche, in risposta a coloro che vorranno attaccarmi su questo argomento.

Sindaco, la pacchia è finita. Gli organi deputati ad esprimersi sulla vicenda (vedi Tar Lazio sentenza n.10862 del 12/11/2018), hanno cominciato a bacchettare i Comuni, stabilendo che le graduatorie dei concorsi per il reclutamento del personale nei comuni rimangono valide per un termine massimo di tre anni dalla data di pubblicazione. E allora mi chiedo: è lecito ciò che avete appena attuato al Comune di Trani ?

Anna Maria Barresi - Consigliere Italia in Comune

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Trani schiava dello spray: dopo la cattedrale, San Toma Scritte sulla cattedrale di Trani, l'arcivescovo D'Ascenzo: «Troppo qualunquismo verso i beni culturali, ma ringrazio chi già si sta adoperando per ripulirla» Scritte sulla cattedrale di Trani, da Barletta la Barsa si propone per ripulirla gratis Anziana cade in acqua nel porto di Trani: un concorso di soccorritori le salva la vita Difesa del Pronto soccorso, domattina manifestazione davanti alla villa di Trani. Ci saranno anche Bottaro e Santorsola Tetto in amianto dell’ex Supercinema di Trani, presentato progetto per la rimozione Amministrazione di Trani, Uva (Associazione Buongoverno): «Solo annunci, niente di concreto» Trani, pubblicato il bando per il festival “Il giullare”. Candidature fino al 19 maggio Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Oggi, a Trani, presentazione del libro di poesie di Silvana Kühtz, “Manuale di fisica ostica” “InPuglia365”: alla Fondazione Seca di Trani un fine settimana ricco di iniziative Parrocchia Angeli Custodi di Trani, stasera la ventesima edizione del festival "Don Bosco" Domani al Polo museale di Trani l'evento “Fashion family” Trani, test importante contro Altamura. La gara sarà trasmessa in televisione San Marco Argentano-Trani: obiettivo, vincere per «rivedere» la salvezza Fortitudo seconda e Juve Trani quarta? Sembra quasi certo, e allora potrebbe essere un derby senza pensieri Bisceglie-Trani vale una stagione: questo sabato quasi una finale "Venerdì a teatro" all'Impero di Trani, nuovo appuntamento venerdì prossimo con "Napoli milionaria" Santo Graal di Trani, domani "Il ballo del Mattoni" Teatro a Trani, mercoledì 20 febbraio Bianca Nappi con “La sua grande occasione” Sabato 23 febbraio al Dino Risi di Trani "Francesco Greco Ensemble". Biglietti già disponibili È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Off» San Valentino senza freni: per far colpo sull'altra metà, deturpa la Cattedrale di Trani Sistema Trani, i legali di De Feudis e Ruggiero chiedono il proscioglimento: «Accuse spropositate e già in parte decadute» Ex ospedale di Trani e pronto soccorso, i chiarimenti del consigliere regionale Santorsola Emiliano riduce l'ecotassa in Puglia e Laurora tira un sospiro di solievo per Trani: «Risparmieremo 5 euro per tonnellata e la Tari non aumenterà» Crisi olivicola, il Comune di Trani scrive al Ministero delle politiche agricole. Se ne discuterà anche nel prossimo consiglio comunale Crisi olivicola, anche la Regione Puglia al fianco degli agricoltori Giornata di raccolta del farmaco, nella province di Bari e Barletta-Andria-Trani raccolti 12.222 medicinali Esce “Overbooking”, il secondo album del rapper di Trani Gio Fal. Disco prodotto dal dj Krispino
PUBBLICITA' Avicola Colangelo