Scacco agli estorsori, prima di Bitonto tre sentenze a Trani. Anche Domenico Pignataro condannato, ma non con l'aggravante mafiosa

Prima della definizione delle sentenze del rito abbreviato a Bitonto, contro la maggior parte degli imputati della banda degli estorsori, tre di questi erano stati già giudicati a Trani, di cui due con il rito abbreviato ed uno con quello ordinario.

Nel patteggiamento, lo scorso 17 ottobre il Tribunale ha condannato Michele Regano alla pena di 5 anni e 2 mesi di reclusione - con 2000 euro di multa e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici - e Armando Presta a 4 anni e 6 mesi - con 1200 euro e cinque anni di interdizione -, per tentata estorsione pluriaggravata in danno di alcuni commercianti tranesi.

Le posizioni di Regano e Presta erano state stralciate dal rito abbreviato di Bitonto e trasferite al Tribunale di Trani.

Il pubblico ministero, Giuseppe Maralfa, aveva chiesto 6 anni 8 mesi per Regano e 6 anni e 3 mesi per Presta. Il Giudice ha ridotto le pene, nella misura di un terzo, in forza di quanto prevede l'abbreviato condizionato, ma ha riconosciuto per entrambi l'aggravante del metodo mafioso nel comportamento posto in essere ai danni delle vittime designate.

Peraltro, Regano è stato assolto dal reato di estorsione pluriaggravata in relazione ad un doppio episodio contestatogli, con riferimento al ritiro di alimenti da asporto ed una cena non pagata presso un ristorante, nel primo caso per non avere commesso e, nel secondo, perché il fatto non costituisce reato.

La prima sentenza relativa al sodalizio dei taglieggiatori di Trani, sgominato fra fine 2016 e inizio 2017 con l'operazione Point break, condotta da Procura e Carabinieri, era arrivata l'11 giugno scorso, per mano della Sezione penale del Tribunale di Trani.

Ha riguardato l'unico imputato per il quale il suo difensore, l'avvocato Vincenzo Operamolla, aveva optato per il rito ordinario: una scelta che ha pagato nella misura in cui a carico di Domenico Pignataro, 35 anni, è stata esclusa l'aggravante del metodo mafioso.

Peraltro, i giudici lo hanno condannato alla pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, 1000 euro di multa e l'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni, oltre al pagamento delle spese processuali e quelle di mantenimento in carcere durante la custodia cautelare.

L'aumento della pena a suo carico è stato riconosciuto per la contestata recidiva, ma è anche vero che il Tribunale ha rigettato, a sua volta, la richiesta risarcitoria formulata dal Comune di Trani nei confronti dello stesso Pignataro.

All'imputato veniva contestato soprattutto un episodio, dei nove del primo filone di indagine, relativo ad una estorsione ai danni del titolare di un bed and breakfast. Era stato Pignataro, evocando figura e pericolosità del capobanda, Vito Corda a proporsi come mediatore per indurre il titolare dell'attività ricettiva al versamento di una somma di 30.000 euro in favore di Corda.

La sentenza emanata dal Tribunale di Trani, sicuramente per effetto di valutazioni indotte dalla dalle controdeduzioni della difesa, ha escluso a carico di Pignataro comportamenti particolarmente aggressivi tali da determinare con certezza una matrice mafiosa.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

Treni regionali, dieci minuti in meno per la tratta Foggia-Bari Consiglio comunale di Trani, approvati quasi 260.000 euro di debiti fuori bilancio Consiglio comunale di Trani, approvato il regolamento sulle cittadinanze onorarie e benemerite Project financing del cimitero di Trani, il Tar annulla l’aggiudicazione. Tomasicchio: «Continuano le illegittimità» Cimitero di Trani, lavori urgenti nella chiesa madre: impegno di spesa di 4.880 euro circa AGGIORNATO. Dal sindaco di Trani un panettoncino con lettera di scuse ai bimbi. Ma alla Montessori, montato il contatore, si rompe un tubo: riparato stamani Allargamento della strettoia di Pozzo piano a Trani, la soddisfazione del Comitato di quartiere Nel 17mo secolo monastero, oggi caserma: il vescovo visita la Guardia di finanza di Trani e la ringrazia per il suo operato Scherma Trani, Greta Ferri settima al Gran premio giovanissimi di Lucca Natale di Trani, villa Telesio aprirà sabato prossimo “Sere d’incanto 2018” a cura della Fondazione Seca di Trani: fino al 6 gennaio la mostra “Presepi dal mondo” Autismo, si apre la sede di Trani dell'associazione Contesto: domenica prossima l'inaugurazione alla Croce bianca Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, venerdì prossimo tributo a Jovanotti A Trani il teatro va a braccetto con i libri: dall'11 gennaio, la nuova rassegna dell'Impero con tre spettacoli in cartellone Al via a Trani la raccolta di giochi per bambini meno abbienti Enrico Vanzina a Trani: sarà ospite, domani, al circolo Dino Risi. Con lui, anche il ritorno di Marco Risi «Coni day», domani manifestazioni a Barletta e Trani Trani, domani festa alla scuola dell'infanzia "Fabiano" Sabato prossimo, a Trani, presentazione del libro “Liberi dagli artigli” «Otto - L'abisso di Castel del Monte»: sabato prossimo a Trani presentazione del libro e inaugurazione della mostra A palazzo Beltrani, “Dicembre in musica”: ultimo appuntamento, sabato prossimo A Trani, sabato prossimo, la prima edizione di "Natale per le strade di Sant'Angelo" Natale di Trani, confermati i tre mercati di 16, 24 e 31 dicembre Fino a domanica, a palazzo Beltrani, esposizione di Toni D’Addato Vent'anni dalla morte di Ivo Scaringi: a Trani, fino a fine anno, mostra collettiva a lui dedicata presso la galleria Michelangiolo Natale di Trani, dieci eventi per bambini fino a domenica prossima Prosegue la mostra “Ferruccio Maierna: scultura, design, gioielli” Natale di Trani, fino al 30 dicembre collettiva d'arte presso l'associazione Arsensum Trani, i «cubotti della solidarietà» in vendita alla Papa Giovanni XXIII È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «E questo?»
PUBBLICITA' Ufficio 2000