Seconda edizione di “Studio in Puglia perché”: c’è tempo fino al 20 dicembre per partecipare

Dopo il successo della prima edizione, la Regione Puglia – Assessorato all’istruzione, formazione e lavoro e Arti – Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione, lanciano la nuova edizione di Giovani eccellenze pugliesi “Studio in Puglia perché”, il premio che intende mettere in evidenza le motivazioni per cui un giovane studente sceglie di proseguire gli studi in Puglia. 

«Con questo premio vogliamo raccontare la qualità dei nostri atenei e degli istituti di alta formazione della Puglia, facendolo attraverso gli occhi di chi ogni giorno occupa quelle aule, quei laboratori, quelle biblioteche, quei banchi, di chi ogni giorno insegue i suoi sogni attraverso la conoscenza - ha detto l’assessore Sebastiano Leo in conferenza stampa -. La prima edizione è stata una scommessa vinta, abbiamo premiato trecento giovani eccellenze che hanno scelto la Puglia come luogo della formazione e del futuro, restituendoci una fotografia della nostra regione davvero straordinaria».

Anche per questa seconda edizione la Regione Puglia si è affidata ad Arti per la gestione dell’intera procedura, dalla fase di promozione, organizzazione ed espletamento dell’iniziativa sino all’erogazione dei premi.

La novità di quest’anno riguarda la platea dei destinatari dell’iniziativa, che si amplia. Infatti, sono chiamati a raccolta da un lato, come lo scorso anno, i diplomati nell’anno scolastico 2017/2018 che si iscrivono al primo anno di Università, Its e Istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica (Accademie delle Belle Arti, Conservatori di musica) con sede in Puglia; dall’altro, e questa è la novità, i laureati triennali e i diplomati accademici di I livello che hanno conseguito il titolo negli ultimi due anni accademici (2016/2017 e 2017/2018) e che scelgono Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori di musica pugliesi iscrivendosi al primo anno di una laurea magistrale o di un diploma accademico di II livello.

«Questa categoria di studenti – ha sottolineato l’assessore Leo - fa registrare tassi di abbandono della Puglia molto elevati, rappresentando il primo passo verso una fuga di cervelli per noi dannosa, in quanto impoverisce il territorio delle sue menti migliori, delle sue risorse intellettuali più preziose e quindi delle sue possibilità di progresso e sviluppo. La scelta di aprire la competizione anche ai neolaureati triennali e ai neodiplomati accademici di I livello va proprio in questa direzione».

Agli studenti è richiesto di raccontare perché hanno deciso di proseguire gli studi in Puglia attraverso un video (o videointervista ad un laureato in Puglia), una foto o un tweet, un racconto o una poesia da caricare su www.studioinpugliaperche.it entro le ore 12.00 del 20 dicembre.    

Concluse le iscrizioni, tutti gli elaborati saranno pubblicati sul sito dell’iniziativa e chiunque potrà votarle. Nello stesso tempo, una giuria di esperti selezionerà i vincitori tenendo conto anche di come si esprimerà online la giuria popolare.

300 i premi in denaro messi in palio anche in questa edizione, di cui 150 sono destinati ai neodiplomati e 150 ai neolaureati triennali e neodiplomati di I livello. Ai lavori più originali saranno assegnati premi fino a 2000 euro.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Euroffice

Notizie del giorno

È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: l'ex sciala De Simone in «Rovine» Trani, scoperta casa d'appuntamenti. I carabinieri denunciano due persone per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione VIDEO. Trani religiosa, la festa liturgica in onore di san Giuseppe Moscati Noleggio con conducente a Trani, bando e graduatoria da rifare Stabilizzazioni nella Asl Bt, non tutti gioiscono. I sindacati: «E gli operatori rimasti fuori?» Incidente in Erasmus, il presidente della Barletta-Andria-Trani chiede a tutte le amministrazioni di contribuire alla riabilitazione di Chiara Ieri a Trani concerto in occasione della Giornata internazionale della tolleranza Piantumazione di nuovi alberi a Trani, l'amministrazione: «Nessuna lite, solo lavoro per il bene comune» Alla ri-scoperta di Santa Maria de Russis: oggi, conferenza al Polo museale di Trani Dimenticare Casarano e rilanciarsi in zona playoff: Trani, contro Otranto è l'occasione giusta Aprilia ancora a secco, Trani la sfida a Bisceglie a caccia del bis Trani chiede spazio alle foggiane per salire sempre più: Fortitudo attende Cerignola, Juve a Lucera Trani, sfida insidiosa contro Taranto per confermarsi seconda Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, domani serata dedicata a Mina e Battisti "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani per il 25esimo anno di attività della Caritas Trani religiosa, il programma della festa in onore di san Giuseppe Moscati Al Dino Risi di Trani, oggi e domani, lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” La tenace lotta di una donna contro la sclerosi multipla: oggi, a Trani, con Onofrio Pagone, il libro e la sua protagonista Oggi, nella chiesa “Pieno vangelo” di Trani, una serata con lo staff di “Compassion” Oggi, a Trani, concerto del Trio Donatello Oggi, a Trani, momento di riflessione sulla donazione a cura dell'Adisco "Potenzialità e pericoli delle nuove tecnologie": oggi convegno nella "Baldassarre" di Trani A Trani 120 nuovi alberi in tre date e luoghi diversi: si parte domani in villa comunale. Iniziativa del Movimento cinque stelle Domani, a Trani, “Ricordando don Tonino Bello” Autismo: domani a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani il padre affidatario della bambina Down che nessuno voleva: lunedì appuntamento all'Università popolare Santa Sofia Chi trova un partito, trova un tesoro: nella Bat, in sei trovano Fratelli d'Italia. Lunedì prossimo, a Trani, vi ci entrerà Elena Muoio, di Margherita A Trani, martedì prossimo, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Trani, 56.000 abitanti: per la festa patronale donati solo 3.000 euro. Il Comune ne ha versati 30.000 La Direzione regionale rassicura tutti: «L'Inps non andrà via da Trani» Scontro fra treni, altre tre udienze preliminari a dicembre prima del processo. Il rito abbreviato per Elena Molinaro fissato al 14 marzo Sicurezza, oggi la protesta degli uomini e delle donne in divisa del sindacato Siap La Rocca-Bovio-Palumbo di Trani in Svezia e Spagna per il progetto “Erasmus plus” Trani, è giallo sugli alberi: l'amministrazione rivendica la paternità delle manifestazioni del 21 novembre
PUBBLICITA' Ufficio 2000