Centri per l’impiego, l’assessore regionale Leo incontra i sindacati

Questa mattina l’assessore all’Istruzione, alla formazione e al lavoro Sebastiano Leo, il commissario straordinario dell’Arpal, Vito Pinto, e i dirigenti regionali competenti hanno incontrato le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Csa, per definire alcuni aspetti organizzativi dei centri per l’ompiego pugliesi, anche in relazione alla delicata fase di transizione dei Cpi dalle Province alla Regione.


«Stiamo faticosamente ma con grande impegno lavorando alla riorganizzazione dei centri per l’impiego, le cui funzioni due mesi fa sono passate di competenza dalle Province alla Regione, ma sembra quasi che i deficit strumentali e di risorse che vivono i Cpi pugliesi siano nati adesso, quando questo è un problema strutturale italiano, del mezzogiorno e quindi della Puglia», commenta l’assessore Leo.


«Oggi era importante condividere con le organizzazioni sindacali e con gli attori istituzionali chiamati a gestire questa fase alcune riflessioni fondamentali: innanzitutto ereditiamo la gestione di un servizio primario che oggi conta, in Puglia, un organico di 391 persone a fronte delle oltre 800 necessarie per svolgere in modo puntuale ed efficiente servizi delicati e complessi. Si tratta – fa sapere l’assessore - di un organico che va giorno per giorno depauperandosi, con molti dipendenti che già sono andati o sono prossimi alla pensione. Un organico che la Regione non può riportare a livelli adeguati, sia per la carenza di risorse finanziare sia per l’esistenza di stringenti vincoli assunzionali imposti dallo Stato».


«Con le sigle sindacali – continua Leo – abbiamo condiviso la necessità di collaborare all’interno di un processo chiaro di miglioramento dell’organizzazione dei centri per l’impiego, salvaguardando la continuità lavorativa degli operatori e tenendo conto di quelle che sono le attuali risorse disponibili. Proprio in ragione della scarsità di risorse disponibili per un necessario potenziamento dei centri, la Regione Puglia si sta attivando in sede nazionale affinché sia delineato un quadro normativo e finanziario che consenta di rimediare a questa situazione nel più breve tempo possibile, considerando l’enorme mole di lavoro che svolgono i centri per l’impiego e a cui a breve si aggiungeranno le attività relative al reddito di cittadinanza, previsto nell’aggiornamento del Def. Si tratta, però, di una partita che va giocata in maniera collegiale e concertata da parte di tutti gli attori pugliesi coinvolti che sono chiamati a dare il loro contributo in modo sistemico e non occasionale».


«L’eventuale incremento di personale – ha concluso Leo – dovrà andare di pari passo con l’acquisizione di immobili idonei ad ospitare il nuovo organico, unitamente all’aggiornamento di tutti i sistemi tecnologi e informatici ereditati dalle provincie. Abbiamo, in questi primi mesi, già definito alcuni aspetti organizzativi importanti come il potenziamento della vigilanza nei centri con maggiore afflusso di utenza e sono già in atto soluzioni operative per risolvere alcuni aspetti logistici delle sedi e di coordinamento funzionale delle attività».


L’assessore Leo e il commissario straordinario Arpal incontreranno nuovamente le organizzazioni sindacali il prossimo 22 ottobre, al fine di esaminare le questioni organizzative poste dalla futura costituzione dell’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, della cui attività i centri per l’impiego sono l’asse portante.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Aggressione al 118 di Trani, arrestato il responsabile Trani, equipaggio del 118 salva una donna da arresto cardiaco. Decisiva anche la collaborazione dei parenti Trani soccorso inaugura la nuova ambulanza e la chiama Alfa 14: tanti, infatti, sono i mezzi a sua disposizione Discarica di Trani, il sindaco pubblica la relazione dell'Ispra Discarica di Trani, i metalli nell'acqua dei pozzi tornano nel limiti. Ma sempre con alcuni margini di tolleranza Calcio & chiacchiere, l'allenatore del Trani a muso duro: «Con me i biscotti non esistono» «Tutto d'un tratto Trani» e il nascondino a Palazzo Palmieri Festa della chiesa diocesana, l’omelia dell’arcivescovo di Trani Al Polo museale di Trani Zhero e La Nena, la tenacia del cambiamento tra parole e musica VIDEO. Trani, domeniche d'autunno a Boccadoro È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Turismo?» Dibenedetto salva l'onore, ma non basta: Trani-Napoli 1-4 Per la Trani del basket una domenica in scioltezza: Fortitudo e Juve spazzano via Barletta e Fasano Il weekend sportivo inizia alla grande con il volley: Bari-Trani 0-3 Judo Trani, tre medaglie al Trofeo Internazionale di Judo Città dell'Aquila Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, venerdì prossimo tributo a Rino Gaetano Domani a Trani mostra e convegno su Aldo Rossi Trani religiosa, da mercoledì a sabato prossimi la festa in onore di San Michele Arcangelo. Il programma "Giocosamente": ogni martedì, all'Anteas Trani, allenamento alla memoria Trani città dell’intercultura: riprendono da giovedì prossimo le lezioni di arabo per i figli di migranti arabofoni "Meno male che c'è il mare": venerdì prossimo, al Dino Risi di Trani, proiezione del film e incontro con l'autore, Carlo Stragapede Sabato prossimo a Trani “La scrittura nella cura, riflessioni in sala d’attesa” «Oggi che squadra mi metto?». Il contestato Lanza sceglie la panchina ospite e Guerra lo punisce: Trani-Molfetta 1-0 Aspettando i lavori, non c'è giorno che non peggiori: Trani, al lungomare Mongelli sono vandali e degrado a dettare l'agenda Sosta a pagamento a Trani, De Laurentis (Pd): «Giù le mani da Amet, no ai privati» Prendi, porta a casa e torna, prendi, porta a casa e torna: a Corato, i carabinieri di Trani arrestano il ladro che rubava «a rate»
PUBBLICITA' Viso Amianto