Sosta a pagamento con le «app»: dopo un anno Easy park rileva Sostafacile, ma si dimentica di Trani. Il punto

Il ventaglio delle opportunità di pagare la sosta con le applicazioni a Trani si è ridotto a due gestori e mezzo. Infatti, è venuto meno il servizio di Sostafacile, che era stato il primo a partire esattamente un anno fa, 12 giugno 2017, poiché, come ha comunicato la società della Brav servizi a tutti i suoi clienti, la piattaforma non è più disponibile.


Gli utenti Sostafacile hanno potuto avviare la procedura di recesso e rimborso, secondo una procedura online, ed il rimborso effettivamente è già avvenuto.


Nel frattempo, Sostafacile è stata assorbita da un altro gestore di servizi a pagamento, EasyPark, ma quest'ultimo non ha ancora firmato il contratto con Amet, concessionario del servizio per la città di Trani. In molti, quindi, hanno scaricato Easy park, fatto la ricarica ma non hanno trovato Trani: dovranno attendere la firma del contratto, che dovrebbe avvenire a fine mese.


Quali, allora, le alternative sulla piazza? Allo stato ve ne sono due disponibili per tutti, vale a dire Mycicero e Tabnet. Rispetto a Sostafacile, sia Mycicero, sia Tabnet, hanno un vantaggio nella misura in cui la ricarica minima da effettuarsi è di 5 euro. Mycicero si distingue per la maggiore disponibilità di pagamenti alternativi, come Paypal e Postepay, mentre Tabnet si fonda esclusivamente sull'utilizzo di carte di credito, conti correnti bancari e, eventualmente, rivendite che, peraltro, non sono indicate con riferimento a Trani. Il terzo servizio in rete, Pyng di Telepass, è utilizzabile solo dai clienti Telepass.


Amet era partita con un ventaglio, almeno sulla carta, di sette applicazioni, tutte contemporaneamente disponibili, per il servizio della sosta a pagamento. In realtà lo scenario si sarebbe complicato non poco dopo la presentazione del servizio stesso: Sostafacile sarebbe rimasto a lungo da solo, poi si sarebbe affiancato Pyng e, solo a distanza di alcuni mesi, sarebbero arrivati Mycicero e Tabnet.


In altre parole, una platea pressoché dimezzata rispetto a quella pianificata in partenza e, soprattutto, ancora poco pubblicizzata. Infatti, non ci sono cartelli da alcuna parte che indichino l'opportunità di effettuare il pagamento della sosta tramite applicazioni. Di conseguenza, l'automobilista che non conosca questa opportunità deve ricercare necessariamente i grattini presso le rivendite autorizzate, oppure, se è fortunato acquistarli dagli ausiliari della sosta che dovessero passare dalle sue parti.


Mancano totalmente, invece, i parcometri, che pure sono il perno centrale del sistema della sosta a pagamento ma che a Trani, inspiegabilmente, continuano a mancare. La città, paradossalmente, è abbastanza avanti su fronte del pagamento con smartphone, ma ancora non trova il modo di collocare i parcometri.


Al centro di tutto vi è l'eterno dilemma fra l'opportunità di acquistarli o noleggiarli, mentre il Comune, a sua volta, non decide in maniera definitiva se continuare ad affidare il servizio ad Amet, oppure emanare una procedura ad evidenza pubblica per individuare un privato che gestisca non soltanto la sosta a pagamento, ma, con un progetto di finanza a lungo termine, rimetta in sesto il parcheggio interrato di piazza XX Settembre, realizzato venticinque anni fa e mai utilizzato.


Di certo, nell'attesa di decisioni che da troppi anni slittano, oggi gli utenti continuano a fare fatica, tra grattini spesso introvabili, abusivi che si infilano ovunque (anche estorcendo denaro a chi parcheggia sulle strisce blu) e, adesso, applicazioni sulle quali ci si aspetta di trovare Trani e, invece, Trani non c'è.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Barbayanne

Notizie del giorno

FOTO. Ecco la rinnovata pista di pattinaggio di Trani. Più grande e sicura, in settimana avrà i fari. Per la copertura serviranno finanziamenti Coni Case occupate a Trani, liberata e murata la Vittorio Emanuele II. Presto sarà rilasciata anche via Olanda Cava fumante, proseguono le indagini esplorative: il Comune di Trani prolunga l'incarico a Giuseppe Locoratolo Semaforo verde, anziché rosso, al sottovia: gli automobilisti faranno causa e Avantario chiederà spiegazioni al sindaco di Trani Acque meteoriche da Capirro, la spiaggia di Trani trasformata nel delta di un fiume. E Barresi si arrabbia per le caditoie Ambiente a Trani, i Verdi smontano le critiche: «Si minimizzano ingiustamente le tante cose che già si sono fatte» «Rifiuti zero» e differenziata, M5s Trani tira le somme: dopo due anni, nulla è cambiato «Mare nostrum»: la Puglia è seconda in Italia con 2.000 reati, 2 infrazioni per ogni chilometro di costa 244esimo anniversario della fondazione della Gdf Puglia, il bilancio gennaio 2017-maggio 2018 Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Al Polo museale di Trani, fino al 16 luglio, la mostra dell’artista “di cuori” di Gianni Pitta Palazzo Beltrani, fino al 1mo luglio la mostra su Leonardo Trani, prosegue l’«estate del quartiere stadio»: oggi, serata di laboratori e musica Oggi, nella cattedrale di Trani, messa in ricordo di Mons. Giovan Battista Pichierri Oggi, a Trani, il saggio di danza e pattinaggio a cura di Angela Bini, "Piovono stelle" «Riabilitazione, modelli tecnici e di intervento, interdisciplinarietà, applicazioni e buone prassi»: convegno lunedì e martedì a Trani Questo lunedì, al PalaFerrante di Trani, evento conclusivo del progetto "Baskin, tutti in campo, sogno di un volo" Contributi libri di testo, si potrà riscuotere a partire da questo lunedì. Il calendario Martedì a Trani il convegno «Una nuova professione: l'esperto contabile ed il welfare moderno della cassa ragionieri» È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Sarà bis» Processo Zanni, chiesti dieci anni per Napoletano e quattro per Lorusso. In aula, impassibile, la mamma della vittima
PUBBLICITA' Archimede