Estorsioni a Trani, parla il pentito Pignataro: «La vera banda formata da pochi, ma utilizzavano armi e c'era anche Lomolino». Il 12 settembre, parola al Pm

Pasquale Pignataro, il secondo pentito della banda degli estorsori, ha rilasciato le previste dichiarazioni spontanee ieri, nell'aula bunker di Bitonto, nell'ambito del rito abbreviato in corso di svolgimento presso il Tribunale di Bari, con riferimento al clan capeggiato dal pluripregiudicato Vito Corda, già a sua volta collaboratore di giustizia.

Pignataro aveva reso nota la sua volontà di collaborare con gli inquirenti lo scorso 31 marzo, durante un'udienza preliminare che aveva fatto seguito a quella in cui il pubblico ministero, Giuseppe Maralfa, della Direzione distrettuale antimafia, aveva richiesto le condanne per tutti gli imputati: a Pignataro era stata accostata la richiesta di pena più alta, vale a dire dieci anni di reclusione.

Ebbene, secondo quanto dichiarato dal pentito, il vero clan era composto di un numero ristretto di persone e tanti fiancheggiatori, fra cui lo stesso Pignataro. I veri estorsori, secondo la sua ricostruzione, sarebbero stati Vito e Giuseppe Corda, l'albanese Ilir Gishti e, anche, Patrizio Romano Lomolino, mai indagato, né arrestato nella vicenda degli estorsori, sebbene nell'elenco degli imputati del rito abbreviato comparisse un «omissis» che potrebbe essere accostato proprio a lui. Peraltro, nel fascicolo che riguardò Lomolino, quando fu imputato di essere il responsabile dell'omicidio del «viado» Aldomiro Gomez, compariva a sua volta il nome di Vito Corda.

Pignataro ha ammesso le responsabilità delle estorsioni, confermandole tutte, ma, secondo quanto ha spiegato, si sarebbe limitato a fare da autista al clan e percepire uno stipendio mensile di 150 euro, mentre il grosso del denaro circolava fra i veri componenti della banda. E questi, sempre secondo quanto reso in aula da Pignataro, avrebbero utilizzato anche armi, fra cui la stessa pistola che il 12 febbraio 2017 uccise Antonio Mastrodonato in via Superga. E questo confermerebbe gli intrecci tra fenomeni di criminalità coevi che, già da tempo, gli inquirenti tendevano a porre in correlazione fra loro.

Il rito abbreviato vede imputate sette persone, accusate di estorsione per fatti commessi a Trani alla fine del 2016. Come è noto, gli episodi determinarono due diverse operazioni, guidate dalle Procure della Repubblica di Trani e Bari e condotte dai Carabinieri, unificate poi in un unico procedimento. Agli imputati viene addebitato il reato di estorsione in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso ed altri capi di accusa. Le estorsioni oggetto dell'inchiesta, una consumata e le altre tentate, riguardarono attività della ristorazione, imprenditoriali, del settore immobiliare e lapideo.

La pena più dura, come dicevamo, è stata chiesta a carico di Pasquale Pignataro: 10 anni e 10mila euro di multa. A seguire: l'albanese Ilir Gishti, 8 anni e 8mila euro; Nicola Pecorella, 6 anni, 3 mesi e 4000 euro; Pasquale Percorella, 6 anni, 3 mesi e 4000 euro; Michele Di Feo, 4 anni, 2 mesi e 4000 euro; Giuseppe Corda, 4 anni e 4000 euro; Nicola Petrilli, 2 anni, 8 mesi e 1400 euro. Per Vito Corda, riconosciuto come figura apicale del sodalizio dedito alle estorsioni, avendogli riconosciuto l'attenuante di collaboratore di giustizia, la richiesta è di 4 anni, 8 mesi e 4000 euro.

Altri due imputati, Michele Regano ed Armando Presta, sono stati ammessi al rito abbreviato presso il Tribunale di Trani, con definizioni che si leggono in altro spazio. Sempre a Trani è in corso il giudizio ordinario per un terzo imputato sganciato da Bari, Domenico Pignataro. A Bitonto, invece, il prossimo 12 settembre è prevista la replica del pubblico ministero, che potrebbe rivedere la richiesta a carico di Pasquale Pignataro, nel giudizio di cui è presidente Rosa Anna De Palo.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Avicola Colangelo

Notizie del giorno

San Valentino senza freni: per far colpo sull'altra metà, deturpa la Cattedrale di Trani Vigor Trani, test importante contro la Fortis Altamura. La gara verrà trasmessa in TV San Marco Argentano-Trani: obiettivo, vincere per «rivedere» la salvezza Fortitudo seconda e Juve Trani quarta? Sembra quasi certo, e allora potrebbe essere un derby senza pensieri Bisceglie-Trani vale una stagione: questo sabato quasi una finale Geda Volley Trani, il punto sui campionati Sistema Trani, i legali di De Feudis e Ruggiero chiedono il proscioglimento: «Accuse spropositate e già in parte decadute» Ex ospedale di Trani e pronto soccorso, i chiarimenti del consigliere regionale Santorsola Emiliano riduce l'ecotassa in Puglia e Laurora tira un sospiro di solievo per Trani: «Risparmieremo 5 euro per tonnellata e la Tari non aumenterà» Crisi olivicola, il Comune di Trani scrive al Ministero delle politiche agricole. Se ne discuterà anche nel prossimo consiglio comunale Crisi olivicola, anche la Regione Puglia al fianco degli agricoltori Giornata di raccolta del farmaco, nella province di Bari e Barletta-Andria-Trani raccolti 12.222 medicinali Esce “Overbooking”, il secondo album del rapper di Trani Gio Fal. Disco prodotto dal dj Krispino "Metti un libro a teatro": in scena oggi, a Trani, "Ulisse ed io" Santo Graal di Trani, questa sera tributo ai Subsonica Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana “InPuglia365”: alla Fondazione Seca di Trani un fine settimana ricco di iniziative Domenica prossima al Polo museale di Trani l'evento “Fashion family” "Venerdì a teatro" all'Impero di Trani, nuovo appuntamento il 22 febbraio con "Napoli milionaria" Oggi, a Trani, presentazione del libro "Pan, racconto di una vita" Oggi, a Trani, presentazione della legge contro lo spreco alimentare Oggi, a Trani, la presentazione del libro di Alessandra Macchitella, "Santa" Domani, a Trani, presentazione del libro di poesie di Silvana Kühtz, “Manuale di fisica ostica” È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Off» AGGIORNATO. Incidente fra Trani centro e sud: tre auto coinvolte ma feriti lievi. Traffico bloccato San Valentino, il Trani femminile lo dedica al prossimo: ripristinato il bagno per diversamente abili dello stadio comunale Donazione degli organi a Trani, dal 14 febbraio 2017 ad oggi i donatori sono 152 San Valentino, la poesia di Franco Pagano in dialetto tranese Strade di Trani, dopo le piogge è emergenza in via Sant'Angelo Di Maio resta procuratore di Trani: il Csm lo conferma a maggioranza Trani, approvato il Piano di prevenzione della corruzione. Osservazioni entro il 28 febbraio Servizio di spedizione della corrispondenza del Comune di Trani, indetto bando biennale Rete ferroviaria italiana, arriva l’app per disabili che scelgono di viaggiare in treno Cardioprotezione a Trani, la Polizia locale avrà tre defibrillatori Raccolta differenziata in alcune strade di Trani, martedì prossimo incontro informativo al Comune
PUBBLICITA' Progetto Udito