Potere al popolo scrive al sindaco di Trani: «Non conceda dehor, spazi pubblici e incarichi a chi sfrutta i lavoratori»

«Il Comune non può e non deve consentire che gli esercenti concessionari di suolo pubblico, nonché gli assegnatari di incarichi e servizi professionali sfruttino il lavoro nero, irregolare e sottopagato dei propri dipendenti e collaboratori, violando la contrattazione collettiva e la legislazione sul lavoro su previdenza e sicurezza».


È con queste motivazioni che Giovanni Doria, esponente tranese del movimento Potere al popolo, ha protocollato una richiesta di incontro al sindaco di Trani, Amedeo Bottaro per chiedere all’amministrazione di: «adottare una delibera che inibisce la concessione di suolo pubblico agli esercenti commerciali che sfruttano il lavoro nero, irregolare e sottopagato dei propri dipendenti; dare attuazione al principio dell’equo compenso nelle procedure comunali di acquisizione di servizi professionali;  individuare nuovi strumenti amministrativi che contrastino lo sfruttamento di tutti quei lavoratori, compresi gli autonomi, i professionisti e le partite iva che collaborino con gli assegnatari di incarichi e servizi professionali».


L’inibizione alla concessione di suolo pubblico agli esercenti commerciali che sfruttano i lavori ha un precedente, ed è la delibera n.100 del Comune di Napoli. Lì, grazie alla stipula di un protocollo d’intesa tra amministrazione e Ispettorato del lavoro, la concessione del suolo pubblico è subordinata  al rispetto da parte dei richiedenti di una serie di norme, tra cui spiccano quelle in materia di lavoro, contribuzione previdenziale, applicazione dei contratti collettivi, tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, inasprendo le sanzioni per i concessionari trasgressori.


Questa delibera costituisce un importante precedente politico, amministrativo, sociale e sindacale, avendo «finalmente aperto la strada all'uso degli strumenti amministrativi locali per il contrasto del lavoro nero, irregolare e sottopagato». A trarne beneficio saranno anche i commercianti onesti, perché si potrà contrastare la concorrenza sleale praticata dai datori di lavoro disonesti nei confronti di tutti coloro che invece contrattualizzano regolarmente i propri dipendenti.


A proporre la delibera a Napoli è stata la Camera popolare del Lavoro di Napoli, che fa riferimento all' Ex Opg occupato - Je so' pazzo e quindi a Potere al popolo, che ha alimentato una grande vertenza contro i titolari di locali che occupavano il suolo pubblico e che avevano lavoratori e lavoratrici irregolari e sottopagati.


«Questa delibera – scrive ancora Doria - crediamo possa essere adottata al fine di contrastare lo sfruttamento di tutti i lavoratori che, anche indirettamente, siano entrati in rapporto con l’amministrazione pubblica.  Ci riferiamo in particolare agli autonomi, ai professionisti e a tutti i lavoratori a partite Iva che facciano parte di strutture, società o associazioni professionali che richiedano di partecipare a bandi per l’affidamento di incarichi o prestazioni di servizi, e alle quali la partecipazione potrebbe essere inibita se non provino la regolarità retributiva e contributiva nei rapporti lavorativi con i propri collaboratori, prevedendo la revoca dell’incarico in caso di successivo accertamento delle violazioni ovvero della presenza di lavoratori non assunti secondo le vigenti normative lavoristiche».
«Tali disposizioni – si legge nella lettera di Potere al popolo al sindaco - intendono superare un fenomeno che negli ultimi anni, anche per effetto dell’abolizione dei tariffari, ha caratterizzato le procedure di affidamento di servizi professionali e che ha visto molte amministrazioni prevedere compensi non correttamente parametrati alla qualità e quantità delle prestazioni richieste o addirittura compensi simbolici. Ci sono stati pure dei casi in cui il compenso economico non era nemmeno previsto.
Le amministrazioni pubbliche, pertanto, hanno il dovere di dare attuazione al principio dell’equo compenso nelle proprie procedure di acquisizione di servizi professionali, prevedendo che i compensi siano determinati sulla base dei parametri fissati con i vari decreti ministeriali. Sul punto proponiamo l’adozione del contenuto della delibera n. 29/18 della Regione Toscana, che costituisce anch’essa un precedente assoluto in Italia».


«È infine molto importante – conclude Doria - la promozione delle migliori pratiche amministrative, mutualistiche e cooperative che consentano l’esercizio delle attività lavorative in spazi comuni del patrimonio pubblico, riconvertito o recuperato per lo sviluppo di queste attività lavorative (coworking, fab-lab, start-up)».


Il movimento nei prossimi giorni, come ha fatto sapere Cosimo Matteucci, candidato nel nostro collegio alla Camera nelle ultime politiche, depositerà analoga richiesta ai sindaci dei comuni di Andria e Canosa di Puglia, mentre sono in fase di completamento gli incontri con i candidati sindaco di Barletta. «Lo sfruttamento dei lavoratori deve finire, e deve finire ovunque» conclude Matteucci.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Barbayanne

Notizie del giorno

Trani alleluia, dopo due anni riapre Ognissanti: domenica prossima, illustrazione del restauro e visita alla chiesa Controlli della Guardia di finanza: a Trani, scoperti 4 lavoratori in nero Trani, turisti francesi investono ragazza in via Andria: contusioni e ferite non gravi Ritrovati 790 euro per strada, l'Ufficio ragioneria di Trani ne attende il legittimo proprietario Comune di Trani, uomo sfrattato interrompe l'assemblea sindacale. Malore per la figlia Infopoint di Puglia, Trani porta a casa 20mila euro e quello di piazza Trieste riaprirà ai primi di giugno Via Falcone dà i suoi frutti: presentato ufficialmente l'olio Città di Trani. Le bottiglie alla Caritas ed agli ospiti illustri della città Doppio senso sul lungomare di Trani? Se n'è tornato a parlare nella quarta commissione consiliare, che attende uno studio di fattibilità della Polizia locale Trani, grazie automobilisti: il marciapiede di via di Borgogna è durato appena sei mesi: già rotto dal peso dei veicoli Sciolto il Consiglio dell'Ordine degli architetti della Campania: il ministro Orlando nomina commissario Giuseppe D'Angelo, di Trani Comune di Trani, insediata la nuova Rappresentanza sindacale unitaria. E Sergio De Feudis torna a sfogarsi Futuro sottovia di Trani, raccolte 650 firme per farlo veicolare e pedonale Scultura commemorativa dell’Associazione nazionale finanzieri d’Italia, delegazione anche da Trani Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana: anche oggi, la rassegna per ragazzi Santo Graal di Trani, oggi omaggio a Fabi, Silvestri e Gazzè Trani, «grandi nomi in un piccolo chiosco»: la stagione musicale del Barbayanne. Domani, Toni Messina Trani religiosa, prosegue la festa liturgica di San Nicola il Pellegrino Il «De Amicis» di Trani presenta il bilancio sociale: appuntamenti fino a domani Decennale della morte di Luigi Malerba, anche Trani lo ricorda con la presentazione di "Sull'orlo del cratere". Appuntamento oggi in biblioteca «La verità al servizio della libertà»: oggi, a Trani, incontro su Aldo Moro e San Tommaso Moro Oggi, al Dino Risi di Trani, Larry Franco swingtet Nuova vetrina per “I dialoghi di Trani”: oggi saranno a “Napoli città libro” con Nando dalla Chiesa Arriva a Trani il “Carosello” dello Spi Cgil Puglia: tante iniziative domani in piazza Quercia Ritorna “Spiagge e fondali puliti”: a Trani, domani pulizia dello Scoglio di Frisio; domenica di Boccadoro Domani, a Trani, il prestigioso gruppo «I camaleonti» Trani, domenica prossima via Mario Pagano si «anima» di arte Domenica nella villa comunale di Trani esibizione dei talenti “nostrani”: è festa con «Armonia» Trani, domenica apertura di villa Telesio. «Ciceroni», i ragazzi della Rocca-Bovio-Palumbo «Cantine aperte» raddoppia: domenica prossima, a Trani, visita a villa Schinosa «La chiesa di santa Chiara e le guerre mondiali": incontro a Trani domenica Le macchine da guerra di Leonardo da Vinci a palazzo Beltrani: l'esposizione prosegue fino al 10 giugno Assunzioni a tempo determinato in Amiu, lunedì prossimo il doppio sorteggio presso lo chalet della villa di Trani Martedì prossimo convegno “Il territorio va a scuola” con gli studenti della Rocca-Bovio-Palumbo di Trani Mercoledì prossimo, nella cattedrale di Trani, il concorso di poesie "San Nicola in rime" Domenica 3 giugno a Trani una grande giornata di sport per la Gara di Triathlon sprint "Chiedilo al notaio", prossimo incontro al Comune di Trani giovedì 7 giugno È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Qui no!»
PUBBLICITA' Le Lampare