Amet Trani, un sindacato dell'azienda: «Servono i parcometri»

Come tanti cittadini, abbiamo seguito in diretta streaming l'ultimo consiglio comunale, svoltosi il giorno 27 c.m. notando come, finalmente, si sia avviata una discussione sul tema parcometri/parcheggi e come ci sia stata, negli ultimi giorni, una disponibilità al dialogo da parte dell'assessore alle partecipate. 


Restiamo però sconcertati dalle dichiarazioni rese del primo cittadino che ha dichiarato che i parcometri non risolverebbero, comunque, il problema parcheggi. 


Ovvio, infatti i parcometri risolverebbero, nell'immediato, il problema dei parcheggi... a pagamento (a raso). 


La creazione di nuovi parcheggi o il rifacimento di parcheggi già esistenti invece fanno parte di progetti da realizzarsi in futuro, con tempi relativamente lunghi e che sono strettamente legati ad una rimodulazione del trasporto pubblico locale ed ad un piano della mobilità che preveda, che le auto, (che "non si possono mettere nel parcometro" [cit.]) non abbiano neanche la possibilità di arrivare nel centro cittadino, attraverso la chiusura dello stesso, altrimenti anche il turista più civile preferirà parcheggiare ad un metro dal b&b dove soggiorna, piuttosto che a un km distanza. (Nelle ipotetiche aree di parcheggio decentrate) 


Perché quindi non dare da subito, ed in vista dell'imminente stagione estiva, la possibilità a cittadini e turisti di poter pagare il parcheggio nella maniera più semplice possibile e nel contempo, capire la reale capacità di introiti che il servizio può generare, affinché si possa valutare il futuro del servizio, con dati reali? E come già ribadito più volte, reinvestire tali introiti, che sicuramente sarebbero triplicati, anche, nella creazione delle aree di parcheggio decentrate di cui Trani ha bisogno? 


L'installazione dei parcometri è necessaria inoltre perché cosi si eviterebbero anche situazioni di turisti, soprattutto stranieri, che girano spaesati e armati di carta di credito (prepaid card - carta ricaricabile prepagata), cercando di capire cosa significhi appunto, la dicitura "pagamento con schede prepagate" che stride infatti, con l'immagine del parchimetro riportata sui pannelli indicanti la sosta a pagamento e che induce i malcapitati a cercare la colonnina per effettuare il pagamento tramite carta, cartelli dunque che dovrebbero essere uniformati a quelli delle maggiori città turistiche che riportano, chiaramente, il metodo di pagamento (magari pubblicizzando anche la app) e la sanzione in cui si incorre per il mancato pagamento. 


Ci chiediamo inoltre come mai non si sono semplificate le vetrofanie indicanti le rivendite autorizzate che risultano inefficaci già a pochi metri di distanza in favore di grafiche più essenziali e direttamente riconoscibili? (P ticket - sfondo blu) 


Perché non si è mai pensato di inserire della pubblicità sui grattini (o in futuro sulle colonnine), come fanno in molte altre città,  per massimizzare gli introiti? 


Come mai sul sito di Amet dopo 7 anni, il servizio parcheggi non è neanche riportato tra i servizi gestiti dall'azienda? 


Non sarebbe stato più opportuno creare un apposita sezione in cui l'utente potesse visualizzare le tariffe, gli abbonamenti, le zone in cui vige la sosta a pagamento e le rivendite autorizzate? 


Come mai non si è pensato di inserire dei banner, collegati tramite link alle sezione sopra descritta, direttamente sui siti di hotel e b&b con le indicazioni su come pagare il parcheggio una volta arrivati in città? 


Come mai non si è pensato di installare dei paletti anti-sosta per lo meno nelle zone del centro storico con più alto afflusso di auto e conseguente parcheggio selvaggio, sopratutto sui marciapiedi, per evitare lunghi procedimenti di rimozione che impegnano le poche pattuglie presenti per ore? 


È necessario alludere ancora alla mancanza di controlli, pur sapendo che gli operatori hanno elevato circa 30000 sanzioni pur operando nelle condizioni critiche che conosciamo tutti? 


Inoltre non sarebbe il caso di spiegare al consiglio comunale che c'è già un dettagliato progetto sottoposto all'attenzione dell'amministrazione e dei vertici aziendali di Amet, cosi come anche  annunciato durante l'ultimo consiglio comunale, da un consigliere di maggioranza, in modo da poter avviare un discorso serio sul futuro del servizio e dell'azienda? 


Attendiamo con ansia risposte a queste e molte altre domande che questa segreteria pone ormai da tempo e che sono sempre rimaste inascoltate. 


Il Segretario sindacale aziendale Fit - Cisl Daniele Di Lernia

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Borgo Beltrani

Notizie del giorno

Trani alleluia, dopo due anni riapre Ognissanti: domenica prossima, illustrazione del restauro e visita alla chiesa Controlli della Guardia di finanza: a Trani, scoperti 4 lavoratori in nero Trani, turisti francesi investono ragazza in via Andria: contusioni e ferite non gravi Ritrovati 790 euro per strada, l'Ufficio ragioneria di Trani ne attende il legittimo proprietario Comune di Trani, uomo sfrattato interrompe l'assemblea sindacale. Malore per la figlia Infopoint di Puglia, Trani porta a casa 20mila euro e quello di piazza Trieste riaprirà ai primi di giugno Via Falcone dà i suoi frutti: presentato ufficialmente l'olio Città di Trani. Le bottiglie alla Caritas ed agli ospiti illustri della città Doppio senso sul lungomare di Trani? Se n'è tornato a parlare nella quarta commissione consiliare, che attende uno studio di fattibilità della Polizia locale Trani, grazie automobilisti: il marciapiede di via di Borgogna è durato appena sei mesi: già rotto dal peso dei veicoli Sciolto il Consiglio dell'Ordine degli architetti della Campania: il ministro Orlando nomina commissario Giuseppe D'Angelo, di Trani Comune di Trani, insediata la nuova Rappresentanza sindacale unitaria. E Sergio De Feudis torna a sfogarsi Futuro sottovia di Trani, raccolte 650 firme per farlo veicolare e pedonale Scultura commemorativa dell’Associazione nazionale finanzieri d’Italia, delegazione anche da Trani Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana: anche oggi, la rassegna per ragazzi Santo Graal di Trani, oggi omaggio a Fabi, Silvestri e Gazzè Trani, «grandi nomi in un piccolo chiosco»: la stagione musicale del Barbayanne. Domani, Toni Messina Trani religiosa, prosegue la festa liturgica di San Nicola il Pellegrino Il «De Amicis» di Trani presenta il bilancio sociale: appuntamenti fino a domani Decennale della morte di Luigi Malerba, anche Trani lo ricorda con la presentazione di "Sull'orlo del cratere". Appuntamento oggi in biblioteca «La verità al servizio della libertà»: oggi, a Trani, incontro su Aldo Moro e San Tommaso Moro Oggi, al Dino Risi di Trani, Larry Franco swingtet Nuova vetrina per “I dialoghi di Trani”: oggi saranno a “Napoli città libro” con Nando dalla Chiesa Arriva a Trani il “Carosello” dello Spi Cgil Puglia: tante iniziative domani in piazza Quercia Ritorna “Spiagge e fondali puliti”: a Trani, domani pulizia dello Scoglio di Frisio; domenica di Boccadoro Domani, a Trani, il prestigioso gruppo «I camaleonti» Trani, domenica prossima via Mario Pagano si «anima» di arte Domenica nella villa comunale di Trani esibizione dei talenti “nostrani”: è festa con «Armonia» Trani, domenica apertura di villa Telesio. «Ciceroni», i ragazzi della Rocca-Bovio-Palumbo «Cantine aperte» raddoppia: domenica prossima, a Trani, visita a villa Schinosa «La chiesa di santa Chiara e le guerre mondiali": incontro a Trani domenica Le macchine da guerra di Leonardo da Vinci a palazzo Beltrani: l'esposizione prosegue fino al 10 giugno Assunzioni a tempo determinato in Amiu, lunedì prossimo il doppio sorteggio presso lo chalet della villa di Trani Martedì prossimo convegno “Il territorio va a scuola” con gli studenti della Rocca-Bovio-Palumbo di Trani Mercoledì prossimo, nella cattedrale di Trani, il concorso di poesie "San Nicola in rime" Domenica 3 giugno a Trani una grande giornata di sport per la Gara di Triathlon sprint "Chiedilo al notaio", prossimo incontro al Comune di Trani giovedì 7 giugno È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Qui no!»
PUBBLICITA' Fondazione Seca