“Giuseppina, una donna del Sud”, oggi e domani al Mimesis di Trani

Sabato 22 e domenica 23 aprile, alle 19, al Teatro Mimesis di Trani in via Pietro Palagano 53, si terrà lo spettacolo “Giuseppina, una donna del Sud”, interpretato da Pierluigi Tortora, scritto da Pierluigi Tortora e Matteo De Simone. Ingresso con prenotazione obbligatoria, riservato ai soci, con contributo di 10 euro, fino ad esaurimento dei posti a sedere. Per prenotazioni e informazioni, 3468259618.


Questo lo spettacolo: «Giuseppina donna del Sud, entra in scena in silenzio e in silenzio siede al centro del palco. Ma, prima ancora, arriva la sua ombra sbieca, sul fondo, a sinistra. Un profilo appena suggerito dal fazzoletto annodato al collo, come usava una volta, per certe donne di un certo Sud, a una certa età, e da qualche parte si usa ancora…


Un lungo attimo di silenzio, come per prendere il respiro, prima di tuffarsi nel racconto. E il miracolo si compie, perché, anche se si scioglie il nodo, e il fazzoletto scivola sulle spalle, anche se a dare voce e pensieri a Giuseppina è lui, sul palco già subito è solo lei. Giuseppina, che è nata, vissuta, invecchiata, nel cuore di Caserta, nel cuore di quella che era, così ci hanno insegnato a scuola, Terra di Lavoro. Che sgrana un rosario di nomi, i nomi della gente che ha accompagnato le età della sua vita lunga quasi quanto un secolo. Che ora racconta, così, semplicemente, come sanno, o sapevano raccontare, le nonne quando i più piccoli chiedevano. E bastava una sedia, e intorno, la voglia di ascoltare chi tiene che contare, così, semplicemente, perché questo è il fatto, bello e pulito.


Certo, tiene che contare, Giuseppina, che ha attraversato il secolo, che ha visto la guerra. Che ha visto, anzi, tante guerre, quella della Storia con la S maiuscola, e le sue personali, piccole e grandi guerre, anche loro, qua e là intrise di sangue.
Al centro, della vita di Giuseppina, il suo uomo. Storia di un amore che fa ridere e piangere, se lei ancora sorride di lui che ha paura di passare il mare, se una sola volta, una volta sola in tutti gli anni insieme, le ha detto “sei la mia vita” e questo pure ancora la riempie di piacere. Come riempie lei e noi di tenerezza il ricordo di una zeppola, da dividere in due a San Giuseppe. Cosa che solo chi sa qual è il sapore delle zeppole vere, quelle fritte e con l’amarena al centro, può capire.


Al centro della vita privata di Giuseppina, tutti i suoi tanti figli. Quelli vivi e quelli morti, e chissà come si fa a sopravvivere alla morte di quelli andati via… Ma lei è qui, ancora a raccontare, con la forza delle sue parole. Ora pacate, come se la vita fosse cosa già lontana, ora dolci come sanno essere dolci i vecchi che ricordano cose antiche come le stessero ancora con le mani carezzando. Ora che diventano un urlo, che chissà da dove viene fuori e neppure lei riconosce, davanti al corpo morto del figlioletto, ucciso, sul Ponte di Napoli, al tempo della guerra. Lacerato mentre si avvicina, per giocare, ad un ordigno. Creatura morta, racconta, perché faceva la creatura, e le creature, si sa, con tutto, anche nei momenti peggiori sanno giocare… Un racconto, quello di questa donna del Sud, come un lungo, ininterrotto respiro, perché così forse è proprio la vita, quando ci si ferma a guardarla. Un respiro lungo quanto il breve tempo di un monologo».


E questa Giuseppina, che ancora conosce la magia del racconto, è il regalo che ci fa Tortora. Lo stupore più grande rimangono il suo corpo e la sua voce, dissolti nell’identità femmina di una donna, delle nostre terra, piena di tutta la storia del secolo passato.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' RealSuole

Notizie del giorno

Tari, Trani respira: dalla Regione quasi 700mila euro per evitare il temuto conguaglio di fine anno Verde pubblico e pulizia di villa e cimitero di Trani: cooperativa in difficoltà e gare di luglio e agosto dichiarate deserte Tennis Club Trani per la prima volta promosso in serie B, battuto il Michele Montani Tennis Academy Sabato prossimo "Caccia al tesoro di Trani": genitori e figli alla scoperta delle ricchezze della città Oggi, nella biblioteca di Trani, presentazione del libro di Rosanna Bianco, "La conchiglia e il bordone, i viaggi di San Giacomo nella Puglia medievale" Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: fino a sabato prossimo, Angelo Piccolo Il circolo del cinema «Dino Risi» chiude la stagione: ultimo appuntamento, venerdì prossimo Mansioni retributive superiori, impegnati per un dipendente del Comune di Trani 22mila euro Domani, nella chiesa san Francesco di Trani, presentazione della tela "San Francesco d'Assisi ricevuto da Papa Innocenzo III" Palazzo Beltrani, proseguono i corsi di disegno. E, domani, nuovo concerto musicale Venerdì prossimo a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" Sabato e domenica prossimi quarta edizione del “Trani street basket” Al centro Jobel di Trani sabato prossimo si festeggiano i trent'anni di musica dell'associazione "Il preludio" "Strani incontri", sabato prossimo Francesco Dezio con "Nicola Rubino è entrato in fabbrica" Celebrazioni per la Madonna di Fatima a Trani, sabato prossimo concerto di musica classica Biblioteca di Trani, tutti i progetti estivi per i più piccoli "Puglia imperiale, viaggio nelle terre di Federico": lunedì prossimo a Trani presentazione del progetto Assonautica torna a Trani: martedì prossimo si parlerà dei progetti di sviluppo del porto È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Mercato di Trani, la Guardia di finanza di Andria sequestra scarpe contraffatte Varchi, da sabato prossimo porto di Trani chiuso al traffico tutte le sere. Info «“Varco attivo”? Dicitura dubbia». Noi con Salvini Trani rincara la dose: «Raccolta firme e poi class action» Auto storiche, Trani non si ferma più: lunedì prossimo arrivano le Alfa Romeo Pulizia delle sedi, Amet Trani emana una gara triennale Pedana per i disabili alla Baia del pescatore, Piemontese (assessore regionale al Demanio) si complimenta con il sindaco di Trani Assistenza specialistica ai disabili nelle scuole superiori della Barletta-Andria-Trani, la Cgil denuncia: «Educatrici senza stipendio dall’inizio dell’anno»
PUBBLICITA' RealSuole