Inchiesta fotovoltaico: prosciolto ex funzionario dell'Utc di Trani, sarà processo per quattordici. I nomi

Associazione per delinquere al fine di commettere un indeterminato numero di reati di falso ideologico e truffa aggravata, nonché concorso in corruzione. Questi i capi di accusa, a vario titolo, per i quali il Giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Trani, Francesco Messina, ha rinviato a giudizio 14 dei 15 indagati nell'ambito dell'inchiesta condotta dal sostituto procuratore della Repubblica presso lo stesso Tribunale, Michele Ruggiero, sulla cosiddetta "truffa del fotovoltaico".


I reati contestati si sarebbero commessi per fare conseguire erogazioni pubbliche a distinte società titolari di altrettanti impianti fotovoltaici, di potenza nominale inferiore ad un megawatt, localizzati su particelle contigue.


Un frazionamento considerato illegittimo, perché utile a beneficiare degli incentivi statali previsti dal cosiddetto “conto energia” e, contemporaneamente, eludere l'autorizzazione unica regionale, obbligatoria per le produzioni superiore ad un megawatt, ottenendo, di conseguenza, un più agevole nullaosta dell'ente locale.


Lo stesso Gup ha dichiarato il non luogo a procedere degli imputati per il reato di lottizzazione abusiva, con esclusione degli impianti di due società, ubicati in contrada Santa Perpetua, a Trani, per intervenuta prescrizione.


Uno solo degli ex indagati, l'ex funzionario dell'Ufficio tecnico, Paolo Di Lernia, istruttore delle pratiche oggetto d'inchiesta, è stato beneficiato del non luogo a procedere poiché il fatto non costituisce reato. Difeso dall'avvocato Mario Malcangi, Di Lernia viene dunque prosciolto dalle accuse ed esce dall'inchiesta.


Questi, invece, i nomi dei rinviati a giudizio: Marco Di Martino e Vincenzo Di Gennaro (entrambi di Trani), direttori dei lavori, progettisti e redattori dei progetti esecutivi di alcuni impianti, nonché legali rappresentanti, soci fondatori e coammministratori di diverse società; Antonio Nunziata (di Brienza), Mario Claudio Forese (Foggia), Tommaso Cormio (Trani), Mario Taddei (Carpinone), Luigi d'Ambrosio ed Emanuele Sassi (Minervino Murge), Raffaele Landini (Trani), Raffaele Labarile (Acquaviva delle Fonti), che figurano tutti quali legali rappresentanti e procuratori di alcune delle società interessate.


Ed ancora, l'ex capo dell'Ufficio tecnico di Trani, Giuseppe Affatato, in quanto dirigente pro tempore e responsabile dei procedimenti; Paola Friggione, titolare dell'omonimo studio legale di Trani e compagna dell'ex dirigente, nonché consulente legale dei promotori e sviluppatori dei progetti fotovoltaici oggetto di inchiesta; Savino De Toma (che si dimise da presidente di Amet non appena fu iscritto nel registro degli indagati), che risulta nell'inchiesta socio di maggioranza di una delle società, nonché legale rappresentante fino al 4 dicembre 2009; Felice Nicola Covelli, di Sesto San Giovanni, procuratore e socio di maggioranza di alcune delle società.


L'ex ingegnere capo avrebbe rilasciato i permessi «in cambio di utilità e vantaggi economici a lui corrisposti o comunque promessi indirettamente, per il tramite della sua compagna - è la tesi dell'accusa -, attraverso onorari e royalty complessivamente quantificabili in circa 900.000 euro, non giustificabili, né ragionevolmente commisurati all'entità delle prestazioni professionali svolte ma, evidentemente, costituenti l'indebita utilità posta a disposizione dai richiedenti per lo sblocco della situazione di stallo delle pratiche».


I fatti contestati risalgono ad un periodo di tempo compreso fra 2008 e 2012. La prima udienza è stata fissata per il prossimo 6 luglio. Ministero dell'Economia e Comune di Trani sono parte offesa nel giudizio: quest'ultimo s'è costituito parte civile.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Barbayanne

Notizie del giorno

Carlo avrà la protesi speciale di cui ha bisogno: l'Asl Bt assicurerà al ragazzo di Trani una qualità di vita migliore Manifestazioni a Trani ed effetti collaterali: prenotano tre giorni di vacanza, ma subiscono il furto dell'auto e scappano via dopo il primo Manifestazioni a Trani ed effetti collaterali: le auto ritornano "su" piazza Gradenigo Trani, ancora proiettili verso casa Mastrodonato. Il precedente del 19 aprile ed il possibile collegamento con via Superga Trani, proiettili in via Superga verso lo stesso fabbricato del tentato omicidio del 22 febbraio Estate di Trani, ecco altri eventi con patrocinio comunale gratuito. Tra questi, “Calice di san Lorenzo” e un nuovo festival del cibo di strada Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: da oggi, Angelo Piccolo "Novantanove borghi, racconto di Puglia": oggi giornata dedicata a Trani VIDEO. La Madonna di Fatima pellegrina a Trani fino ad oggi: è ospite dello Spirito Santo Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Palazzo Beltrani, orario continuato nel weekend. Da martedì prossimo, corsi di disegno Servizio civile: l’Oasi 2 di Corato, Trani e Bisceglie cerca 5 volontari. Domande entro domani Martedì prossimo a Trani il "Salotto del risparmio Helvetia" Venerdì 30 giugno a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" Biblioteca di Trani, tutti i progetti estivi per i più piccoli È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Trani sportiva è in lutto: addio a Santino Barbato. Volò in B con la Polisportiva e allenò la leggendaria squadra femminile Trani, la poesia scende in strada: i versi di Daniele Marrone sui pali della città “DigithON” 2017, da Trani anche “IsApp” Dialoghi di Trani, trentotto le opere in gara al premio Fondazione Megamark. Il 14 luglio i nomi dei finalisti Infopoint, più di un milione di euro dalla Regione per investirvi. Per Lima (Fdi), «opportunità per lo Iat di Trani» Avvocati in difficoltà economiche, anche l’Ordine di Trani aderisce a WeAvv: oltre 800.000 euro per la conciliazione “vita-lavoro”
PUBBLICITA' Hello Bike