Fossato del castello, sul degrado Briguglio attacca Bottaro: «Troppa inerzia, così Trani turistica muore»

Lo avevamo già scritto in un precedente articolo: il fossato del Castello di Trani verte in una situazione di degrado. In quel nostro “viaggio” lungo la cinta muraria del castello avevamo descritto infatti una situazione incresciosa che riguarda direttamente l’amministrazione comunale. È infatti il Comune di Trani proprietario di quella zona.


In una intervista il sindaco, Amedeo Bottaro, ci aveva detto: «Stavamo già lavorando in direzione della sigla di un protocollo d'intesa, con la direzione del Polo museale della Puglia, che preveda un utilizzo, e quindi gestione del fossato da parte dello Stato. L'accordo prevedrà lavori di ristrutturazione, finanziati dal Ministero, che interesseranno anche il fossato rendendo fruibile ad una sua concreta l'utilizzazione. Inoltre, il progetto prevede di realizzare un ponte che consenta l'accesso al castello da via Maiorano, ripristinando quello storico, dal cortile ovest, dell'epoca medievale».


Ed oggi è il consigliere comunale Domenico Briguglio, di maggioranza, in forze a “Centro democratico” a scrivere in una nota stampa: «Ho personalmente accompagnato nella splendida Trani docenti di rilievo internazionale, insegnanti di corsi nei Master all’Università di Bari, affascinati dalle bellezze del territorio e dalle opere museali: cattedrale, palazzo Beltrani, palazzo Telesio, il quartiere ebraico ed il castello svevo.


Abbiamo mostrato ai visitatori il monumento. L’accogliente guida turistica ha spiegato le funzioni del fossato che nel 1200, con i rivellini di controllo e il ponte levatoio, era invaso di acqua di mare e non quale attualmente destinato, ad una giungla di immondizia. Il fossato è ormai diventato un ricettacolo di topi e su questo non hanno competenza né il Ministero dei beni culturali né il Polo museale della Puglia, ma il sindaco di Trani.


Quello spazio è custodito dall’amministrazione comunale, la stessa che è stata esortata più volte ad intervenire per ripulire il fossato, oltre che smaltire le palme colpite da punteruolo rosso. Da quando si è insediata questa amministrazione comunale, il fossato e le strade limitrofe risultano essere in totale abbandono.


È evidente che l’oratore ha additato ed invitato me, quale rappresentante nell’assise comunale, che aveva portato il gruppo di docenti internazionali, ad intervenire, ponendo fine all’increscioso e vergognoso persistere del degrado nell’area, che fa vergognare tutti i tranesi.


Giunti nei due saloni che si affacciano sul mare e nella parte retrostante il maniero federiciano, abbiamo trovato una ulteriore discarica a cielo aperto, una struttura fatiscente, abbandonata e contenitore probabilmente anche di resti di amianto, accanto alla zona parcheggio utilizzata sia dei frequentatori del Tribunale sia dei turisti che visitano ogni anno la nostra città.


Nel fossato vi sono un centinaio di faretti con un impianto di illuminazione che alla comunità è costato qualche milione di euro, ma che come ben ha fatto notare la giuda turistica, risulta essere spento e mai stato acceso dalle amministrazioni comunali.  


Dunque l'intervento di pulizia deve essere assolutamente effettuato, magari anche accompagnato da iniziative repressive che individuino, sanzionandoli, i responsabili dello scempio. Il castello è quotidianamente meta di centinaia di turisti ed il suo decoro è condizione imprescindibile per la sua valorizzazione turistica. 


A Trani si parla di turismo come volano dello sviluppo cittadino per la creazione di posti di lavoro, ma se presentiamo la città in queste condizioni dimostriamo di essere incapaci di custodire il nostro patrimonio storico.


Mi dissocio da questa inerzia dell’amministrazione comunale, e presenterò una nota scritta in Consiglio comunale chiedendo spiegazioni in merito».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Hello Bike

Notizie del giorno

Carlo avrà la protesi speciale di cui ha bisogno: l'Asl Bt assicurerà al ragazzo di Trani una qualità di vita migliore Manifestazioni a Trani ed effetti collaterali: le auto ritornano "su" piazza Gradenigo Estate di Trani, ecco altri eventi con patrocinio comunale gratuito. Tra questi, “Calice di san Lorenzo” e un nuovo festival del cibo di strada Trani, proiettili in via Superga verso lo stesso fabbricato del tentato omicidio del 22 febbraio È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: da oggi, Angelo Piccolo "Novantanove borghi, racconto di Puglia": oggi giornata dedicata a Trani VIDEO. La Madonna di Fatima pellegrina a Trani fino d oggi: è ospite dello Spirito Santo Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Palazzo Beltrani, orario continuato nel weekend. Da martedì prossimo, corsi di disegno Martedì prossimo a Trani il "Salotto del risparmio Helvetia" Servizio civile: l’Oasi 2 di Corato, Trani e Bisceglie cerca 5 volontari. Domande entro il 26 giugno Venerdì 30 giugno a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" Biblioteca di Trani, tutti i progetti estivi per i più piccoli Trani sportiva è in lutto: addio a Santino Barbato. Volò in B con la Polisportiva e allenò la leggendaria squadra femminile Trani, la poesia scende in strada: i versi di Daniele Marrone sui pali della città “DigithON” 2017, da Trani anche “IsApp” Dialoghi di Trani, trentotto le opere in gara al premio Fondazione Megamark. Il 14 luglio i nomi dei finalisti Infopoint, più di un milione di euro dalla Regione per investirvi. Per Lima (Fdi), «opportunità per lo Iat di Trani» Avvocati in difficoltà economiche, anche l’Ordine di Trani aderisce a WeAvv: oltre 800.000 euro per la conciliazione “vita-lavoro”
PUBBLICITA' Woodcenter